Depurarsi e disintossicarsi dopo le feste: ecco alcuni consigli

Depurarsi e disintossicarsi dopo le feste: ecco alcuni consigli

Il periodo post-natalizio, croce e delizia per gli italiani, è propedeutico ad affrontare bene gli ultimi mesi invernali, caratterizzati dal picco influenzale.

Più opporremo al virus un organismo efficiente, maggiori saranno le possibilità di non ammalarsi e di arrivare al cambio di stagione in perfette condizioni.

Gli organi su cui concentrare le attenzioni maggiori sono:

  • Fegato: il nostro laboratorio chimico per la depurazione e l'eliminazione delle tossine.

La natura ci offre le migliori soluzioni, attraverso l'uso di piante che fin dall'antichità abbiamo utilizzato con successo: carciofo, tarassaco, fumaria, cardo mariano, boldo e bardana. Esse agiscono depurando le cellule del fegato, che diventano più efficaci nella loro attività quotidiana, contribuendo al miglioramento della digestione di grassi, proteine e alcolici.

 

  • Stomaco: la prima stazione digestiva, sulla quale l'Aloe, in estratto da bere, effettua un'azione antinfiammatoria e depurativa
  • Intestino: la seconda stazione, il secondo “cervello” per molti studiosi. E' caratterizzato normalmente da una flora mista di microrganismi in equilibrio tra loro, che però può alterarsi in caso di cattiva alimentazione o abusi. Sintomi principali: diarrea, intestino alterno e gonfiore. In questo caso è indicata un'integrazione di probiotici, cioè fermenti lattici “buoni”, in grado di ripristinare il corretto equilibrio all'interno della flora intestinale.

Le strategie nutrizionali, oltre ad una corretta idratazione quotidiana, pari al 3% del proprio peso corporeo, prevedono un'alimentazione antinfiammatoria a base di alimenti a basso carico glicemico, basso contenuto di grassi e, soprattutto, ricca in frutta e verdura di stagione.

Ottimo quindi:

  • imparare a consumare alimenti integrali come pasta, pane e cereali (orzo, farro, cous cous, riso, bulgur e grano saraceno) alternandoli sempre tra loro per bilanciare l'apporto di nutrienti
  • aumentare l'apporto di proteine vegetali, presenti nei legumi, e proteine animali più digeribili, come quelle della carne bianca (ottima quella di animali allevati a terra e nutriti con mangimi biologici) e del pesce, ricco di “grassi buoni” omega 3
  • inserire sempre 3-5 porzioni di frutta (agrumi, kiwi, mele e pere) e verdure di stagione (spinaci, bieta, cicoria, insalata, finocchi, zucchine, melanzane, carote, sedano, zucca, cavoli), caratterizzate da azione antinfiammatoria, depurativa e idratante.

Last but not least: attività fisica regolare, almeno 3 volte alla settimana, di livello adeguato alle proprie possibilità. Un adeguato dispendio energetico permette di riequilibrare la propria composizione corporea, diminuendo il tessuto adiposo e aumentando quello muscolare, responsabile del metabolismo quotidiano.

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *