Ansia e stress ai tempi del COVID-19

Ansia e stress ai tempi del COVID-19

Hans Selye definì come “Sindrome Generale di Adattamento” quella risposta che l'organismo mette in atto quando è soggetto agli effetti prolungati di svariati tipi di eventi stressanti, quali stimoli fisici (ad es. fatica), mentali (ad es. impegno lavorativo), sociali o ambientali.

Quest'ultimo tipo di eventi, una pandemia che porta in sole due settimane alla decisione di un lockdown lunghissimo, possiamo considerarli un buon motivo per accusare una seri di sintomi caratteristici a carico del sistema nervoso:

  • ansia
  • depressione
  • insonnia o risvegli notturni
  • disturbi dell'appetito
  • stanchezza al risveglio o durante il giorno
  • tachicardia

Come affrontarli e risolverli?

Per prima cosa, se questi sintomi incidono pesantemente sulla vira quotidiana, è bene parlarne con il proprio medico di medicina generale, per valutare un intervento farmacologico urgente, altrimenti, esiste un ventaglio di possibilità interessanti rivolgendosi alla natura.

Esiste un gruppo di piante dette “adattogene”, proprio per la loro capacità di “insegnare” al nostro corpo come adattarsi allo stress e superarlo brillantemente. Esse sono:

  • Ginseng
  • Eleuterococco
  • Rodiola
  • Ashwaganda

La loro azione porta ad un miglioramento del tono fisico e mentale, ad un miglioramento dell'umore e della memoria, ad un generale senso di benessere e di aumentata performance quotidiana.

Per questo è bene assumerli il mattino prima di colazione o al massimo prima di pranzo, in modo da sfruttarne l'effetto nelle ore lavorative o in cui si praticano sport o attività faticose.

Esiste poi un secondo gruppo di piante che invece agiscono sui sintomi del sistema nervoso, e che ci portano senso di rilassamento mentale e fisico, ci aiutano a prendere sonno o prolungarne la durata e a controllare tachicardia o extrasistoli a riposo (quando non patologiche). Esse sono:

  • Escolzia: favorisce il sonno e la sua durata
  • Passiflora: modula l'ansia diurna e i suoi sintomi
  • Biancospino, controlla la tachicardia e l'ansia diurna
  • Iperico: regola il tono dell'umore e ha un blando effetto antidepressivo
  • Melissa: regola la produzione dell'ormone dello stress e agisce sul sistema digerente
  • Lavanda: regola l'ansia e l'insonnia
  • Fico: regola il funzionamento dell'apparato digerente

Ed esistono sostanze altrettanto efficaci come:

  • Melatonina: un mediatore del sistema nervoso che regola il ciclo sonno-veglia. Assunta la sera prima di coricarsi per almeno due mesi, regola il sonno e la sua durata e può essere associata senza problemi a terapie farmacologiche tradizionali.
  • SAME (S-adenosil-metionina): una sostanza in grado di migliorare il tono dell'umore e la sensazione di benessere quotidiano. Va assunta il mattino prima di colazione per sfruttarne l'effetto nelle ore diurne.

Non ultimo, se i sintomi diventassero cronici e  persistenti, andrebbe valutata anche una terapia psicologica, che ben si accompagna a questo tipo di cure “dolci”.

 

 

 

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *