Punture di zanzare, consigli per il dopo puntura

Punture di zanzare, consigli per il dopo puntura

Punture di zanzare, consigli per il dopo puntura

Con la stagione estiva, uno dei primi problemi che si manifestano è la presenza degli insetti, di cui le zanzare rappresentano il peggiore e il più fastidioso.

Esse proliferano soprattutto da maggio a settembre, e prediligono habitat umidi e con ristagno di acqua, come i giardini e i vasi portafiori: attualmente, la specie più diffusa e quella della zanzara tigre, le cui punture causano spesso bolle più grandi e pruriginose.

Perché le zanzare pungono?

Le zanzare femmine ci pungono perchè hanno bisogno di sangue, che costituisce il loro nutrimento ideale per poter sviluppare le uova e riprodursi più velocemente

Come è stato confermato dalla scienza, le zanzare hanno anche delle preferenze e scelgono quindi chi pungere con maggior frequenza.  A quanto pare tra i fattori da tenere in considerazione ci sono:

 

  • Gruppo sanguigno(soprattutto 0),
  • odore della pelle, ovvero bisogna prestare attenzione anche all’uso di deodoranti, profumi e cosmetici che possono rappresentare un’attrattiva per gli insetti,
  • abiti(soprattutto di colori scuri o vivaci, ad esempio rosso, nero e blu) che si indossano e movimenti che si compiono

Consigli per il dopopuntura

Contro il prurito

Gli ingredienti che possono alleviare localmente il fastidio delle punture di zanzara sono:

  • Ammoniaca: attenua il prurito causato anche da punture di altri insetti o di organismi marini, e si trova in commercio sottoforma di stick o penna roll-on.
  • Alcol: dona una sensazione di sollievo e rinfrescante, ma è sconsigliato per le pelli sensibili e sui bambini.

Il nostro preparato dopopuntura in crema, a base di  Aloe Vera, estratto di Camomilla, Calendula e Tea Tree Oil, ha un'azione lenitiva, idratante e antibatterica, e previene la formazione dei ponfi. Inoltre non causa reazioni di fotosensibilità.

Contro il gonfiore

In alcuni casi, le punture delle zanzare si possono gonfiare e causare un fastidio ponfo, che si protrae per qualche giorno. In questi casi può essere utile applicare una pomata a base di antistaminico, come il dimetindene o la prometazina, o a base di idrocortisone.

Attenzione a non applicarle prima di esporsi al sole, per evitare rischi di reazioni legate alla fotosensibilità.

In caso di prurito diffuso, può essere utile assumere anche una compressa di antistaminico la sera prima di coricarsi.

Se invece siete a conoscenza di precedenti reazioni allergiche alle punture di zanzare e in caso di infezione, causata soprattutto dall'azione del grattamento insistente, il consiglio che vi do è quello di contattare subito il vostro medico di famiglia, che saprà darvi la terapia più efficace e adatta.

 

 

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *