Scegli il solare su misura per te!

Scegli il solare su misura per te!

Informazioni e consigli sulla scelta del solare su misura e risposta a domande frequenti

Conosciamo meglio le componenti dei raggi solari:

  1. I raggi UVA penetrano la nostra pelle, attraverso l’epidermide giungendo fino al derma, pur essendo meno energetici rispetto agli UVB, sembrano siano maggiormente correlabili alla foto-carcinogenesi ed al foto-invecchiamento cd. photoaging.
  2. I raggi UVB colpiscono l’epidermide e non penetrano a fondo. Sono responsabili della sintesi della melanina, dell’abbronzatura e permettono la sintesi della vitamina D.

 

Attenzione! L’abbronzatura è un meccanismo di difesa dai danni causati dai raggi solari, che possono essere di due tipi:

  • Acuti, eritema solare, ustione solare e fotosensibilizzazioni
  • Cronici, foto-invecchiamento, aumento del rischio di tumori cutanei, danni oculari, fotodermatiti, tutti causati tutti da un’esposizione solare continua e selvaggia.

 

 

Come leggere l’etichetta di un solare?

Il grado di protezione di un solare è espresso dall’SPF (Sun Protection Factor), che fornisce un’indicazione numerica relativa alla capacità del prodotto di filtrare i raggi UVB. Un numero che però non fornisce un’indicazione completa, perché non indica in modo specifico il grado di protezione verso i raggi UVA.

Per avere la sicurezza che un solare protegga sia dai raggi UVB, che UVA, in etichetta dobbiamo trovare oltre al valore SPF+ un numero, che il pittogramma dell’UVA cerchiato.

Se tale pittogramma non è presente sulla confezione dei prodotti, significa che l’azienda non ha eseguito i test per quantificare la protezione UVA e che tale protezione non è garantita.

In generale fra questi prodotti rientrano creme idratanti viso per uso quotidiano, fondotinta e bb cream. Tutti questi prodotti sono nostri alleati, da usare come schermo da ottobre ad aprile, ma sono sconsigliati per un utilizzo in spiaggia, montagna o esposizione prolungata ai raggi solari.

Quando invece si trova il bollino UVA cerchiato, il solare protegge anche da questi raggi per almeno 1/3 della capacità filtrante degli UVB riportata in etichetta. La tabella spiega meglio questo rapporto.

 

 

 

 

 

Attenzione! L’SPF dichiarato in confezione è garantito da due fattori:

  • Quantità, corretta di prodotto applicato, che corrisponde a 2 milligrammi di prodotto per cm quadrato di pelle.

Tradotto in maniera pratica, potremmo dire che un flacone da 200 ml, per una persona adulta di media corporatura, dovrebbe bastare per poco più di 6 applicazioni. Mentre la classica confezione da 50 ml per il viso, dovrebbe bastare per circa 12 applicazioni. La maggior parte di noi invece, mette erroneamente una quantità di prodotto molto più contenuta.

  • Frequenza, di applicazione, il solare deve essere riapplicato almeno ogni 2 ore e dopo ogni bagno, anche se la crema è resistente all’acqua e al sudore, perché comunque una parte di prodotto viene dispersa in acqua, a contatto con sabbia, asciugamano ecc.

 

Ricorda: nessuna protezione solare scherma al 100% i raggi solari. Proteggendoci ci abbronziamo lo stesso, sintetizziamo vitamina D, e danneggeremo meno la nostra pelle.

 

 

Come scegliere la crema solare?

La crema solare va scelta in base al nostro fototipo, non in base al grado di abbronzatura raggiunta.

Che cos'è il fototipo? Il fototipo è una classificazione utilizzata in dermatologia, determinata dalla qualità e quantità di melanina presente in condizioni basali nella pelle. Tale classificazione permette di conoscere le reazioni della pelle all'esposizione solare e il tipo di abbronzatura che è possibile ottenere.

Sul sito myskin.it è possibile calcolare il fototipo.

 

  • Più il fototipo a cui si appartiene è ALTO quindi SCURO, più l’SPF può essere basso (20-15).
  • Più il fototipo è BASSO quindi CHIARO, più l’SPF deve essere alto.

 

Ricorda: tutti i fototipi si devono proteggere. Non è mai sbagliato usare una crema con protezione alta su fototipo scuro.

 

Ecco infine alcuni semplici consigli, ma fondamentali per proteggere la nostra pelle:

  • Se la cute non è "sana", quindi presenta dermatiti, acne o in generale problemi dermatologici, indipendentemente dal fototipo bisogna usare protezioni alte.
  • Meglio scegliere un solare che riporti anche l’indicazione WATER RESISTANT.
  • Nel caso di bambini scegliere solari formulati per loro a parità di SPF, perché sono più persistenti e sono studiati per una pelle non ancora matura, quindi con filtri solari specifici. Un adulto può comunque usare una crema solare per bambini. Con un unico prodotto si accontenta tutta la famiglia.
  • Gli integratori di beta-carotene sono utili per migliorare l’abbronzatura e fortificare, ma non sostituiscono la protezione e non evitano i danni causati dai raggi.
  • Gli attivatori di abbronzatura corpo vanno usati in associazione alla crema solare, perché non contengono filtri, così come i prodotti auto abbronzanti.

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *